Come richiedere un mutuo Inpdap

Introduzione al Mutuo Inpdap o ex Inpdap 2019

Dal 2012, in seguito al Decreto Salva Italia, varato dal Governo Monti, l’Inpdap è stata inglobata all’Inps. Da tale anno quindi tutte le pratiche relative a pensionati e dipendenti del settore pubblico sono di competenza della Gestione Dipendenti Pubblici Inps, ufficio apposito per gestione le posizioni degli iscritti ex Inpdap; tra cui appunto anche i mutui Inpdap (o detto anche ex Inpdap proprio in riferimento a quanto sopra).

Come richiedere il Mutuo Inpdap: requisiti necessari

Per poter stipulare un mutuo ipotecario edilizio bisogna obbligatoriamente presentare domanda online sul sito internet dell’INPS, in quanto non verranno accettate domande pervenute con forme diverse da questa.

Per accedere a questa particolare convenzione ovviamente bisogna possedere taluni requisiti e rispettare dei paletti ben precisi. Innanzitutto possono fare richiesta solamente i lavoratori dipendenti pubblici e statali con contratto a tempo indeterminato (iscritti quindi alla Gestione dipendenti pubblici) ed i pensionati iscritti da più di un anno alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.

Altro requisito fondamentale è il non possesso, del richiedente o di un familiare, di un’abitazione sul territorio nazionale (seppur con qualche eccezione). Dal 2015 oltre l’acquisto di prima casa sono state aggiunte anche le finalità di ristrutturazione, manutenzione o adattamento dell’unica casa di proprietà o l’acquisto/costruzione di box auto (solo se considerata pertinenza della casa di proprietà ed entro 500 metri dalla stessa).

Infine non potrete richiedere un importo maggiore di 300 mila euro per acquisto abitazione principale (ridotto della metà nei casi di ristrutturazione, manutenzione e massimo 75 mila euro per acquisto e costruzione box auto); la durata invece potrà essere fissata ad un massimo di 30 anni.

Il tasso si potrà richiedere sia fisso che variabile, ma il valore sarà comunque deciso dall’ente previdenziale (Inps). Se rispettate tutti questi parametri, allora potete passare al punto successivo dove vi spiegheremo nel dettaglio come compilare ed inoltrare la domanda di mutuo in via telematica.

Come richiedere il mutuo Inpdap: guida alla compilazione della domanda per via telematica

Come già detto la domanda per la richiesta di mutuo ex Inpdap può essere effettuata unicamente online ed inoltrata in via telematica. Va inoltre specificato che andranno rispettate le seguenti scadenze per la presentazione della domanda (in base al quadrimestre di disponibilità del Fondo Credito): nei primi dieci giorni di gennaio per il primo quadrimestre, nei primi dieci giorni di maggio per il secondo quadrimestre e nei primi dieci giorni di settembre per il terzo quadrimestre.

La procedura è molto semplice, inoltre l’Inps mette a disposizione una apposita guida, scaricabile in pdf e stampabile, con tutti i dettagli e i documenti necessari in base al vostro caso specifico; la trovate al seguente link https://www.inps.it/bussola/VisualizzaDOC.aspx?sVirtualURL=/docallegatiNP/ArchivioStorico/2017/Attivita_creditizie/mutui/Documents/Guida_alla_compilazione_domanda_Mutui_Ipotecari_Edilizi.pdf&iIDDalPortale=10200.

Lo scopo di questo articolo è riassumervi tutti i passaggi necessari e la procedura da seguire per facilitarmi maggiormente il compito.

  1. Primo passo fondamentale è accedere al sito ufficiale dell’Inps (https://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx) e accedere all’area riservata agli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici.
    N.b.: è fondamentale che abbiate il PIN INPS per accedere a quest’area, nel caso non l’aveste potete facilmente richiederlo a questo link: https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/jsp/menu.jsp.
    Una volta dentro la vostra area riservata dovrete selezionare dal menù l’area dedicata alle domande di mutuo da compilare e vedrete che ci sarà un elenco tra cui scegliere il vostro caso (ad esempio domanda per acquisto da privato, domanda per acquisto da Enti Pubblici, e così via). Una volta scelta la vostra tipologia inizierete a compilare la domanda (le informazioni sono uguali per tutte le richieste tranne per la surroga dove dovrete indicare anche i dati del precedente mutuo).
  2. Il sistema in automatico vi riproporrà i vostri dati come richiedente non vi resta che controllare che non ci siano errori ed aggiornare il vostro numero di cellulare ed indirizzo e-mail. Nella stessa pagina ci sarà la possibilità di inserire tutti i dati di un possibile cointestatario.
  3. Successivamente dovrete inserite tutti i dati relativi all’acquisto e alla richiesta che state avanzando (importo del mutuo, eventuale copertura assicurativa facoltativa, tasso fisso o variabile).
  4. Nel caso surroga la pagina “mutuo” permette di inserire tutte le caratteristiche necessarie per questo tipo di pratica (tra cui importo del debito residuo, dati relativi alla banca di provenienza).
  5. Infine prima di inoltrare la domanda vi troverete nella pagina delle informative dove dichiarerete come da prassi di essere a conoscenza delle disposizioni previste dal regolamento ed averlo compreso; leggerete l’avviso sulle dichiarazioni mendaci e l’informativa sul trattamento dei dati personali.
  6. Verso la fine una pagina riservata agli allegati. Qui il richiedente avrà modo di inserire nella pratica l’elenco dei documenti necessari alla tipologia di mutuo richiesta.
  7. Ultima pagina, ma non per questo meno importante, l’importantissimo riepilogo dove potrete controllare di non aver commesso nessun errore sulle informazioni inserite.
  8. Non vi resta che premere il pulsante “invia domanda” per inoltrare la richiesta; verranno visualizzati tre messaggi di conferma che, in caso di risposte affermative, permettono di inviare definitivamente la domanda. Non vi resta che aspettare la risposta.