Graduatorie Mutui INPDAP

Cos’è il Mutuo ex Inpdap

Per mutuo Inpdap si intende il mutuo ipotecario edilizio che viene erogato dall’ INPS (Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale) ai lavoratori o ex lavoratori in pensione pubblici e statali. In particolare sono destinatari di questa agevolazione gli assunti a tempo indeterminato ed i pensionati iscritti da oltre tre anni alla gestione autonoma per i dipendenti pubblici; i richiedenti non devono essere proprietari di altra abitazione in Italia nè in prima persona nè all’ interno del proprio nucleo famigliare; sono tuttavia presenti delle eccezioni che sono esplicate nel dettaglio all’ interno del Regolamento per i mutui erogati dall’ INPS.

Essendo stato soppresso l’ INPDAP (acronimo di Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’ amministrazione pubblica) a partire dal 1 gennaio 2012 tutte le incombenze sono state trasferite al ramo gestione dipendenti pubblici dell’ INPS.

Graduatorie Mutui Inpdap: quali sono?

Le graduatorie di merito vengono stilate sulla base di punteggi prestabiliti in base alla composizione del nucleo famigliare ed al reddito imponibile famigliare.

Ecco come vengono assegnati quelli relativi alla composizione del nucleo familiare:

  • cinque punti per ogni componente della famiglia;
  • otto punti se vi è un portatore di handicap grave (i punti vengono moltiplicati per il numero di componenti con questa caratteristica);
  • tre punti nel caso in cui il richiedente al momento dell’inoltro della domanda sia sposato da meno di tre anni.

Per quanto riguarda i punteggi relativi al reddito vengono assegnati rispettivamente:

  • zero punti a chi supera i 65.000 euro complessivi;
  • sei punti tra i 55.000 ed i 65.000 euro di reddito;
  • dodici punti tra i 45.000 ed i 55.000 euro totali, diciotto punti per i redditi tra i 35.000 ed i 45.000 euro;
  • ventiquattro punti dai 25.000 ai 35.000 euro;
  • trenta punti per chi dichiara un reddito famigliare complessivo inferiore ai 25.000 euro.

Nel caso raro, ma non improbabile, in cui due richiedenti abbiano lo stesso punteggio viene data precedenza al richiedente che è iscritto da più tempo all’ ex Inpdap. Nel caso in cui persista ulteriormente la parità funge da discriminante la precedenza per colui che ha inoltrato per primo la domanda di mutuo nelle modalità descritte dal bando.

Nella malaugurata eventualità di calamità naturali che vadano a danneggiare fino all’ inagibilità l’ abitazione principale del richiedente l’ INPS può arbitrariamente decidere per la concessione del mutuo all’ interessato prescindendo dall’ ordine in graduatoria.

Una volta stilata attraverso l’ assegnazione dei punteggi, viene pubblicata una graduatoria provvisoria da ognuno degli uffici provinciali INPS. I partecipanti hanno quindici giorni di tempo per visionarla e presentare ricorso nel caso in cui ravvisi eventuali errori. Una volta decorsi i termini per i ricorsi ed esaminati gli stessi vengono emanate le graduatorie definitive.

La modalità di consultazione delle graduatorie più facile ed immediata è sicuramente online attraverso il portale web dell’ INPS. Infatti recandosi sul sito web www.inps.gov.it e selezionando nell’ ordine i menu e le voci Concorsi e Gare –> Welfare, assistenza e mutualità –> Graduatorie dei mutui ipotecari agli iscritti al Fondo Credito Gestione Dipendenti Pubblici –> Graduatorie è possibile consultare le singole graduatorie provvisorie e definitive, per ogni singolo quadrimestre presente e passato e di ogni regione italiana.

L’ importo massimo di mutuo che può essere concesso ammonta a 300 mila euro ed è possibile scegliere un pagamento del mutuo a scadenze prestabilite che vanno dai 10 ai 30 anni. Si può presentare domanda anche se si ha la volontà di surrogare il proprio mutuo sottoscritto in precedenza presso un istituto bancario.

Plafond Mutui Inps e modalità di erogazione

I mutui che vengono erogati godono di un tasso d’ interesse agevolato, il plafond per l’ erogazione è garantito dall’ apposito Fondo Credito, il cui ammontare viene quantificato e stabilito di anno in anno in base alle disponibilità di bilancio complessive.

La disponibilità non viene erogata nella sua totalità immediatamente ma a scaglioni: la ripartizione avviene ogni quattro mesi ed i fondi inviati alle varie direzioni regionali. In particolare le disponibilità per il trimestre successivo vengono rese note rispettivamente entro il primo giorno dei mesi di gennaio maggio e settembre.

Nel caso in cui le risorse messe a disposizione di volta in volta non vengano esaurite entro il trimestre di riferimento esse vengono sommate alle disponibilità del trimestre successivo.

Allo stesso tempo, è bene ricordare che le domande vengono tutte accolte preventivamente in caso di corretta compilazione da parte del richiedente ma nel caso in cui le risorse del trimestre vengano erose prima della data di scadenza trimestrale il fondo non eroga ulteriori disponibilità oltre quelle prestabilite. In questa situazione si rende necessario dunque stilare una graduatoria di merito ed in base ad essa vengono selezionati i beneficiari ai quali i mutui verranno assegnati.

La domanda può essere inoltrata esclusivamente online in via telematica mediante il modulo reso disponibile e scaricabile sul sito dell’ INPS. Le domande per richiedere i mutui ex Inpdap devono essere presentate entro i primi 10 giorni dei mesi di gennaio, maggio e settembre rispettivamente per il primo, secondo e terzo trimestre dei quali rappresentano l’ inizio.

Notizie sui mutui inps ex inpdap

Mutuo Inpdap 2017: le offerte vantaggiose di BNL Mutuo Inpdap 2017: le proposte di tasso fisso e variabile di BNL BNL del Gruppo Paribas offre ai propri clienti diverse proposte di mutuo Inpdap 2017 per dipendenti pubblici, privati e pensionati. Inviando semplicemente una richiesta online direttamente dal proprio computer di casa è possibile acce...
Mutui Inpdap 2016: tutte le novità del regolamento... Mutuo Inpdap per l’acquisto della prima abitazione I mutui Inpdap 2016 sono dei finanziamenti agevolati riservati a tutti i dipendenti statali, settore professionale che gode di maggiori garanzie in quanto rappresenterebbe il posto fisso che non potrà mai subire un fallimento negli anni. Diversi...
Estinzione Parziale del Mutuo Inpdap Secondo il Testo Unico Bancario (art. 40 comma 1) ad ogni debitore è riconosciuto il diritto di estinguere il muto in anticipo rispetto alla data prefissata per la scadenza. L'estinzione del mutuo può essere totale o parziale, in quest'ultimo caso il finanziamento ottenuto dall'istituto di credit...
Inpdap regolamento mutui 2015: cosa cambia? Quali ... L’Inpdap regolamento mutui prevede vincoli precisi legati all’importo massimo del finanziamento e alla posizione contributiva di chi lo richiede. Criteri che sono stati aggiornati nel luglio 2015, alla luce del mutato scenario economico, caratterizzato da una riduzione dei tassi. Il primo requisi...
Mutuo INPDAP Cessione del quinto dello stipendio Il mutuo INPDAP con modalità cessione del quinto rappresenta una variante interessante del finanziamento classico, che potrà essere sfruttato da diverse figure lavorative che dovranno inoltrare la richiesta in un determinato modo. Ecco tutte le informazioni che fanno al caso proprio e che consenton...