Documenti per la Surroga Mutuo INPDAP

Surroga Mutuo INPDAP: Quali i documenti necessari?

La surroga al mutuo INPDAP permette a tutti i dipendenti ex INPDAP, INPS di poter trasferire un mutuo acceso con un istituto di credito diverso all’INPDAP. Grazie a questa domanda sarà possibile sfruttare i vantaggi collegati a questa tipologia di mutuo.

Si potrebbe pensare che il procedimento di surroga sia un qualcosa di molto complesso. In realtà una volta rispettati alcuni parametri, come per esempio i giusti documenti da presentare, l’operazione se approvata è abbastanza semplice.

I requisiti quindi per effettuare la surroga al mutuo INPDAP sono: essere un dipendente o un pensionato INPDAP, essere iscritto al Fondo Rischi dell’INPS e aver sottoscritto un mutuo ipotecario di una somma non superiore a quella prevista dal regolamento per i mutui INPDAP del 2018.

Come ottenere la surroga al mutuo INPDAP?

Se si è in possesso di questi requisiti base, sarà possibile procedere alla domanda di surroga. Per poterla effettuare bisognerà registrarsi al sito dell’INPS e scaricare i moduli di riferimento. I modelli di richiesta di surroga, sono quello 8A e 8B. Sono presenti sul sito e dovranno essere compilati per poter rendere effettiva la domanda. Oltre a questi due modelli, saranno necessari una serie di documenti specifici, al fine di permettere all’INPDAP di dare seguito alla domanda di surroga e quindi di estinguere il mutuo e l’ipoteca con la banca surrogata e accendere nuovo mutuo ipotecario. L’INPDAP diventerà in questo modo la banca surrogante.

L’elenco dei documenti per la richiesta della surroga mutuo INPDAP

È importante al momento della domanda presentare l’incartamento necessario al fine di permettere all’INPDAP di prendere in esame la vostra domanda. Inoltre è fondamentale la compilazione dei modelli prestampati stabiliti direttamente dall’INPDAP. La richiesta è fatta on-line, così come l’invio degli stessi.

Di seguito elenchiamo i documenti necessari al fine di poter ottenere la surroga mutuo INPDAP:

  • compilazione modello 8A: questo modello è scaricabile direttamente sul sito dell’INPS. Si riferisce ai mutui che sono stati accesi prima del 1967. Per questa tipologia di immobile vi è una certa difficoltà a reperire la documentazione urbanistica. Per questo non è presente l’APE e quindi sarà necessario una domanda più articolata;
  • compilazione modello 8B: per gli immobili costruiti dopo il 1967 sarà necessario scaricare questo modello da compilare in ogni suo parte e allegare agli altri documenti richiesti;
  • attestazione del mutuo residuo: sarà necessario fornire il contratto di mutuo che è stato sottoscritto con la banca surrogata. L’attestato permette di identificare la tipologia di mutuo effettuato e l’importo richiesto. È importante che la somma richiesta non superi i trecentomila euro per l’eventuale costruzione o acquisto di una casa, centocinquantamila euro per la ristrutturazione o manutenzione e settantacinquemila euro per l’acquisto di un box auto;
  • atto di mutuo ipotecario: al momento dell’apertura del mutuo si pone un ipoteca sul bene che è stato finanziato. Essa funge da garanzia in caso di in cui non si riesca ad adempiere alla restituzione dell’importo stabilito;
  • assicurazione legata al mutuo: alcuni istituti di credito prevedono un’assicurazione obbligatoria per quanto riguarda l’apertura di un mutuo ipotecario. Non sempre questa è prevista. Nel caso in cui sia presente si dovrà fornire l’eventuale contratto;
  • perizia originale: al momento dell’acquisto dell’immobile per concedere un mutuo, sarà stata effettuata una perizia da parte di un tecnico abilitato. Questa è necessaria al fine di identificare in modo preciso il bene per cui viene richiesto il mutuo. Non solo dal punto di vista della rispondenza catastale, ma anche della collocazione e dell’eventuale valore. A conclusione della perizia verrà espresso un parere da parte del tecnico sul bene stesso;
  • dichiarazione effettuata dopo la perizia: una volta conclusa la perizia, viene rilasciata una dichiarazione al fine di determinare se questa sia favorevole oppure no;
  • atto di compravendita:il documento che attesta che state acquistando l’immobile e che necessitate del mutuo al fine di completarne l’acquisto;
  • certificato di agibilità: attestazione che indica che l’immobile può essere abitato e non è sottoposto a nessuna forma di problematica strutturale;
  • planimetria e valore dell’immobile: sarà richiesto di fornire una planimetria catastale dell’immobile con l’eventuale dichiarazione del valore dello stesso dal punto di vista economico;
  • documenti personali: vi sarà inoltre richiesto di fornire la documentazione che attestino la vostra legittimità a poter chiedere la surroga mutuo INPDAP. Non solo dovete presentare un documento di riconoscimento valido, ma inoltre vi sarà richiesto un’attestazione di servizio, oppure il cedolino pensione. È importante considerare che la surroga al mutuo INPDAP viene concessa solo a coloro che sono regolarmente iscritti all’Ente Nazionale di Previdenza al Fondo Rischi dell’INPS.

Quando presentare i documenti: La graduatorie e i quadrimestri

Una volta che si è a disposizione di tutti i documenti necessari per la richiesta di surroga, sarà importante presentarli anche in uno dei periodi indicati dall’INPS stesso. Infatti l’INPDAP risponde alle domande di surroga in base a una graduatoria che viene stilata ogni quadrimestre, rispettando il Fondo Credito dell’INPS.

Per il primo quadrimestre i documenti dovranno essere presentati tra il 1° e il 10 di gennaio. per il secondo quadrimestre tra il 1° e il 10 maggio, per il terzo quadrimestre tra il 1° e il 10 di settembre.

Notizie sui mutui inps ex inpdap

Mutuo INPDAP 100 per cento Mutuo INPDAP 100 per cento Per coloro che sono dipendenti pubblici in attività o in pensione, che risultino iscritti alla gestione ex Inpdap, oggi gestita dall'Inps, esiste un tipo di mutuo chiamato appunto Inpdap, che prevede l'erogazione di un tasso agevolato sugli ipotecari edilizi. Il mutuo ...
Si possono avere più prestiti? Sostenibilità del c... La crisi di questi anni ha portato sempre più persone a richiedere prestiti personali e non solo. Capire se si possono avere più prestiti è fondamentale, dal momento che non sempre un solo finanziamento è sufficiente. Prestiti: cosa succede se non ne basta uno Nel contesto che viviamo da qualche a...
Prestiti Inpdap per Matrimonio dei Figli Molto spesso i vostri figli decidono di sposarsi all'improvviso, e voi genitori magari state attraversando un periodo non proprio roseo per affrontare tutte le spese dovute al matrimonio, allora fate ricorso a dei prestiti, che magari poi vi maturano un sacco d'interessi, invece qui di seguito vi sp...
Prestiti per disoccupati senza garanzie: quali le ... Con l’impatto della crisi sul mondo del lavoro sono diventati frequenti le richieste di prestiti per disoccupati senza garanzie, prodotti finanziari che vengono incontro a soggetti che si trovano temporaneamente privi di un impiego – il che vuol dire che non possono presentare una busta paga – e che...
Mutuo INPDAP per l’ acquisto della seconda c... Cos'è l'INPDAP L' Inpdap, istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica, dal punto di vista giuridico è un ente pubblico non economico che offre svariati servizi ai dipendenti statali. Istituito nel 1994 con un decreto legislativo, si occupa prevalentemente di p...