Come avere un prestito senza busta paga

Come avere un prestito senza busta paga? Quali i requisiti e le procedure? Un lavoro a tempo indeterminato da sempre è considerato l’unico requisito essenziale per riuscire ad ottenere l’accesso al credito con più facilità, ma non è sempre un requisito facile da rispettare. Da qui l’emergere di linee di credito destinate anche a chi non dispone di una busta paga.

Come fare per ottenere un prestito senza busta paga?

Purtroppo però l’instabilità economica del Paese ha fatto sì che possedere un contratto a tempo indeterminato sia un privilegio di pochi, ecco perché è possibile ottenere un prestito anche senza la garanzia di una busta paga. Ma come avere un prestito senza busta paga?

Da alcuni anni per rispondere alle ingenti richieste di finanziamento da parte di clienti che non risultavano in possesso di un contratto a tempo indeterminato banche ed istituti di credito hanno messo a punto nuove soluzioni di finanziamento. Vediamo quindi come avere un prestito senza busta paga.

Basterebbero le nuove forme di contratto di collaborazione a progetto per ottenere l’erogazione del capitale richiesto, finanziamenti a breve termine che possono essere richiesti anche senza la presenza della busta paga.

Come richiedere un prestito senza busta paga

La mancata presentazione della busta paga è una condizione tipica del lavoratore autonomo, in questa circostanza la garanzia reddituale per ottenere il prestito è il modello UNICO dell’anno precedente. Sicuramente i maggiori rischi legati alla mancata presentazione della busta paga rendono più difficile l’accesso al credito ma non impossibile.

Risulta indispensabile però nel caso di lavoratori autonomi fare una distinzione rispetto alla finalità del finanziamento: nell’eventualità di investimento per un’attività lavorativa è possibile usufruire di interessanti soluzioni finanziarie per prestiti agevolati destinati alla micro, piccola o media impresa.

Situazione che cambia se la finalità del finanziamento è per soddisfare una spesa personale, in questa circostanza sarà necessaria la presentazione del modello UNICO dell’anno precedente o la presenza di ulteriori garanzie.

Come avere un piccolo prestito senza busta paga

Condizione particolarmente diffusa è costituita da quei soggetti che hanno già in corso finanziamenti che impediscono la possibilità di richiedere ulteriori prestiti, solitamente tra il 35% e il 50% dello stipendio impegnato da finanziamenti.

In questa circostanza non è possibile presentare la busta paga per ottenere il finanziamento richiesto, allora come avere un finanziamento senza busta paga per questa categoria di richiedenti?

Sarà possibile ottenere un nuovo finanziamento che servirà per estinguere i precedenti ed ottenere una nuova liquidità, unico impedimento in questa situazione è trovare una banca che riesca a proporre una migliore condizione o disposta ad allungare la durata del finanziamento.

I clienti che non dispongono della garanzia della busta paga per cercare di ottenere il finanziamento dovranno presentare garanzie alternative di tipo reddituale, documenti che attestino il percepimento di un reddito, o di tipo reale, come il possesso di beni immobili.

Tra le varie forme di garanzia alternative alle quali i clienti senza busta paga saranno chiamati a rispondere troviamo:

  • La cambiale, una garanzia fondata sul principio giuridico che rende la cambiale a titolo esecutivo
  • La fideiussione, tramite garante che possa farsi carico del debito residuo in caso di insolvenza del cliente
  • Il pegno, formula di garanzia rispolverata nel tempo se si dispone di oggetti preziosi
  • L’ipoteca, su un bene immobile da presentare come garanzia valida in cambio dell’erogazione del prestito
  • Il modello UNICO, garanzia tipica del lavoratore autonomo a dimostrazione di una regolarità delle entrate

Notizie sui mutui inps ex inpdap

Azionisti Veneto Banca: i possibili scenari dopo l... Assemblea azionisti Veneto Banca e azione di responsabilità Fa discutere ormai da giorni il prezzo di recesso di 7,30 euro stabilito per le azioni di Veneto Banca. Sebbene non si tratti di una quotazione in senso proprio, l’applicazione di questo valore porterà una perdita enorme agli azionisti Ven...
Mutuo Poste Italiane convenzione Inpdap Mutuo Poste Italiane convenzione Inpdap 2015: le proposte Il mercato prestiti è ricco di proposte, non tutte adatte alle proprie esigenze e finalità d’utilizzo, senza contare il rispetto dei requisiti, talvolta molto stringenti. L’Inps, ente in cui è confluito l’Inpdap, può costituire una soluzione...
Prestiti veloci senza busta paga: i prodotti più i... I prestiti senza busta paga sono prodotti che vengono incontro alle esigenze di chi, pur non avendo un lavoro o non potendo assicurare entrate mensili fisse, ha necessità di accedere al credito. Prestiti cambializzati: ecco come funzionano Sotto il cappello dei prestiti veloci senza busta paga è p...
Prestiti a protestati: tutte le opzioni utili La crisi ha portato sempre più persone a incontrare difficoltà nei pagamenti, motivo per cui può essere utile documentarsi sulle caratteristiche dei prestiti a protestati. Prestiti: quali alternative per gli iscritti alla Crif? I prestiti a protestati possono essere richiesti facendo riferimento a...
Mutui Inpdap 2018: online il nuovo portale Uno dei punti di forza del vecchio ente previdenziale (ricordiamo che l’Inpdap è stato abolito nel 2011 dal Governo Monti) era quello di sostenere i propri iscritti. Per lo più dipendenti pubblici e gli stessi pensionati. L’ex ente riconosceva loro un sostegno economico qualora avessero avuto bisogn...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *